Home » News » DAL 1° MARZO IN TUTTI GLI ECOCENTRI DELLA VALLE D’AOSTA ARRIVANO I CONTENITORI AZZURRI PER LA RACCOLTA DEI TESSILI

DAL 1° MARZO IN TUTTI GLI ECOCENTRI DELLA VALLE D’AOSTA ARRIVANO I CONTENITORI AZZURRI PER LA RACCOLTA DEI TESSILI

Dal 1° gennaio 2022 è obbligatoria la raccolta dei rifiuti tessili: in 14 centri di raccolta valdostani potranno essere conferiti abbigliamento usato, calzature, tessuti per la casa, borse e giocattoli in tessuto. La raccolta sarà garantita da Italian Textile Recycling


Aosta, 23 febbraio 2022 – Dal 1° gennaio in Italia è arrivata una svolta importante per la raccolta dei rifiuti tessili. È infatti entrato in vigore il decreto-legge 116/2020 che prevede su tutto il territorio italiano l’obbligatorietà della raccolta dei rifiuti tessili. Quindi tutte le Regioni dovranno adattarsi alla nuova normativa, e la Regione Autonoma Valle d’Aosta è stata una delle più celeri: in collaborazione con EnVal dal 1° marzo nei 14 ecocentri presenti in Valle i valdostani troveranno anche il nuovo contenitore AZZURRO, dove sarà possibile conferire i rifiuti di origine tessile, come indumenti usati, tessuti e accessori.

In particolare, potranno essere conferiti, sempre in buste ben chiuse:
Abbigliamento usato e accessori: maglie, giubbotti, pantaloni, calze, camicie, tshirt, gonne, intimo, guanti, sciarpe, cappelli;
Calzature, borse, zaini, tessuti per la casa: tende, lenzuola, coperte, tovaglie, asciugamani;
• Giocattoli in tessuto: peluche, bambole di pezza.


Il ritiro di questi rifiuti sarà garantito dalla I.T.R. – Italian Textile Recycling che sottolinea di non conferire solamente abiti e tessuti sporchi di grasso o di vernice o bagnati e contaminati da muffe e tutti gli oggetti di grandi dimensioni, tipo valigie, che non entrano nei contenitori AZZURRI posizionati negli ecocentri.


Sarà inoltre possibile continuare a donare alla Caritas gli indumenti in buono stato direttamente presso le sedi dell’Associaizone o presso le parrocchie e gli oratori valdostani. Gli abiti così raccolti permetteranno di aiutare persone e famiglie in difficoltà.


I contenitori AZZURRI per la raccolta dei rifiuti tessili saranno collocati negli ecocentri/isole ecologiche di tutto il territorio Regionale. SCARICA L’ELENCO COMPLETO

“ENVAL si occupa della gestione dei rifiuti indifferenziati e differenziati provenienti dalle raccolte della Regione Valle d’Aosta. La raccolta differenziata dei rifiuti tessili, in vigore dal primo gennaio 2022, ci aiuterà a favorire il riciclo e il riutilizzo di tale materiale e pertanto di ridurre gli impatti causati dal comparto sull’ambiente-dichiara l’Ing. Matteo
Millevolte, Direttore Tecnico di EnVal
– La raccolta separata dei tessili consente infatti di diminuirei rifiuti inviati in discarica (stracci, tessuti, tende, ecc.) che ad oggi si trovavano nel rifiuto indifferenziato, e risulta essere il primo passo per sviluppare buone pratiche di riuso recupero e riciclo dei tessuti, aumentando le percentuali di raccolta differenziata e contribuendo a raggiungere gli ambizioni obiettivi di riciclo dettati dall’UE”.

“E’ un cambiamento che va nella direzione della cura: cura dell’ambiente, perché cresce la raccolta differenziata, e cura delle relazioni e delle persone, attraverso il dono alla Caritas degli abiti che ancora possono essere utilizzati. Gli abiti raccolti serviranno per aiutare le persone e le famiglie in difficoltà presenti nelle nostre comunità, in continuità con quanto fatto da più di trent’anni” – conclude Andrea Gatto della Caritas Diocesana.