La discarica di Brissogne

classificata per rifiuti non pericolosi – rifiuti urbani dal D.Lgs 36/2003
  ex discarica di 1° categoria ai sensi della Deliberazione del Comitato Interministeriale del 27 luglio 1984

Coltivazione della discarica

All’interno della discarica di Aosta vengono accatasti blocchi di rifiuti pressati dello spessore di circa 3m. L’ operazione avviene mediante l’utilizzo di una pala meccanica che posiziona i blocchi secondo il fronte di avanzamento, mentre un escavatore li ricopre di terra.

La procedura  di movimentazione adottata consente di segregare i rifiuti in tempi brevi, di ridurre i volumi di terra e conservare lo spazio destinato alla coltivazione dei rifiuti, monitorando eventuali crolli e cedimenti legati alla naturale consolidazione della materia.

Presso la discarica è possibile smaltire i Rifiuti Speciali non pericolosi unicamente previa caratterizzazione analitica ai sensi del D.M. 27 settembre 2010, a meno che gli stessi non siano inseriti nell’elenco di cui all’Allegato 1 comma 4 del medesimo decreto.